TREKKING SUL LAGO MAGGIORE

Le Escursioni sul Lago Maggiore - La Natura sul Lago Maggiore - Escursioni alternative Lago Maggiore

Numerosi sono i possibili percorsi trekking nel nostro territorio, te ne proponiamo qualcuno:


Il Parco del Veglia - Trekking
400 mt di dislivello - Tempo complessivo delle percorrenze a piedi 4 h

Protetta dalle montagne circostanti e con l’accesso impossibile alle auto, l’Alpe Veglia è una delle escursioni turistiche più frequentate delle montagne Ossolane. Da San Domenico si raggiunge l’Alpe Ciamporino con la seggiovia, dalla cui stazione di arrivo parte l’agevole sentiero, in molti punti panoramico, per raggiungere l’Alpe Veglia. Qui un percorso natura collega tutti i nuclei rurali dell’Alpe.


La natura intatta del Parco Veglia Devero - Trekking
300 mt di dislivello - Tempo complessivo delle precorrenze a piedi 4 h

Posta a 1640 metri di altezza, l’Alpe Devero è un raro esempio di paesaggio incontaminato: nascosta dalle montagne circostanti e per secoli utilizzata nel periodo estivo quale alpeggio per il pascolo di ovini e bovini, il Devero ha mantenuto intatte le sue caratteristiche naturali. Le costruzioni, con i tradizionali tetti in piode, sono state ottenute recuperando le baite degli alpigiani, e sono quindi perfettamente inserite nell’ambiente circostante. L’Alpe Devero è un ottimo punto di partenza per passeggiate o trekking di ogni difficoltà. Da Devero parte il sentiero natura del Vallaro che raggiunge, con una breve deviazione, il Lago delle Streghe , per poi raggiungere il piccolo villaggio di Crampiolo. Si raggiunge quindi la diga che delimita il Lago Devero o Codelago. Un percorso abbastanza agevole si snoda lungo il perimetro del lago, offrendo panorami mozzafiato. Una volta raggiunta nuovamente la diga, il ritorno al Devero avviene lungo la carrozzabile.


I villaggi abbandonati della Valle Vigezzo - Trekking
200 mt di dislivello - Tempo complessivo delle percorrenze a piedi 4 h

La Valle Vigezzo offre innumerevoli possibilità di escursioni a piedi, dalla salita agli alpeggi più alti alla più semplice esplorazione del fondovalle e dei piccoli centri: la presenza della Ferrovia Vigezzina offre la possibilità di spostarsi con il caratteristico trenino Blu. Partendo da Druogno, posto a 831 metri di quota, si può raggiungere Sasseglio (848 m. slm), toccando quindi Coimo, piccola frazione nota per il tipico Pane di Segale. Si scende quindi verso Mozzio e da qui si raggiunge il Torrente Melezzo, prima di risalire verso Marone, villaggio ormai disabitato. Si prosegue alla volta di Verigo, altro centro abbandonato negli anni ’50 a causa della minaccia di una frana, da dove si raggiungono agevolmente i Mulini sul Rio Graglia per proseguire quindi fino a Trontano da dove si rientra a Domodossola con il trenino della Vigezzina.


La linea Cadorna, un esempio di archeologia bellica - Trekking
500 mt di dislivello - Tempo complessivo delle percorrenze a piedi 5 h

Realizzata negli anni antecedenti la prima guerra mondiale lungo parte del confine con la Svizzera, la Linea Cadorna, recuperata oggi per usi civili, è un esempio unico di archeologia bellica. Sulle alture del Verbano, da Piancavallo l’ampio tracciato della Via Cadorna offre stupendi panorami sul lago. Sul percorso verso il Morissolo si trovano le fortificazioni, che avrebbero dovuto ospitare le batterie di artiglieria. Un percorso nel bosco, ci conduce a Colle, da dove si sale al Monte Spalavera,per rientrare a Colle toccando Pian D’Alpe.