NATUUR ROND LAGO MAGGIORE

Excursies rond Lago Maggiore - Trekking Lago Maggiore - Alternative excursions Lago Maggiore

Il Lago Maggiore, splendido bacino circondato dalle montagne, si estende nella parte settentrionale del Piemonte fino ai confini con la Svizzera.

Circondato da un gigantesco polmone verde, 280 kmq di aree naturali protette, regala ai visitatoripanorami mozzafiato edun prezioso patrimonio naturalistico.

Quindicimila ettari dell’esteso territorio sono occupati dal Parco Nazionale della Valgrande, l'area wilderness più estesa delle Alpi. Qui la vegetazione è ancora selvaggia e fitta come all'origine e, tra la fauna, sono annoverati camosci, caprioli e aquile. L'attenzione dedicata alla salvaguardia del patrimonio ambientale è testimoniata inoltre dalle riserve, dai parchi naturali e dalle oasi protette che sorprendono i turisti con la loro straordinaria ricchezza.

Due sono le oasi gestite direttamente dal World Wide Found (WWF): l'Oasi Bosco Tens, dedicata alla riqualificazione ambientale della valle del fiume Toce, e l'Oasi Pian dei Sali, istituita per la protezione degli anfibi.

Tra i grandi parchi naturali spiccano il Parco Veglia Devero e il Parco del Mottarone, nati per la preservazione di un ambiente montano costituito da alpeggi, fitti boschi e natura incontaminata e il Parco dei Lagoni di Mercurago, creato per la protezione di zone umide e palustri essenziali alla sopravvivenza di rare specie vegetali.

Numerose anche le riserve naturali: alcune a vocazione esclusivamente ambientale come quelle di Fondotoce e Dormelletto, pensate per far conoscere e valorizzare i canneti, tra i pochi esempi rimasti della tipica vegetazione lacustre; altre, come le riserve naturali speciali del Sacro Monte Calvario di Domodossola, del Sacro Monte della SS. Trinità di Ghiffa, del Monte Mesma e del Sacro Monte di Orta, che abbinano la tutela ambientale alla valorizzazione di quella straordinaria espressione artistico-religiosa rappresentata dai Sacri Monti.

Un'attenzione particolare meritano infine l'Oasi faunistica di Macugnaga, istituita per favorire la reintroduzione dello stambecco, un tempo quasi scomparso dalle Alpi, e l'Orto Botanico Giardino Alpinia, splendido balcone naturale sul Lago Maggiore e vero e proprio "museo all'aria aperta", con più di mille specie di erbe alpine e officinali.